Water storm: filtro a umido

 

> 01 input

Un nostro cliente ci chiede la possibilità di progettare e realizzare un filtro ad umido per trattare aria sporca proveniente dall’impianto di produzione e poterla immettere nell’ambiente ripulita delle particelle inquinanti.
L’aria da trattare proviene dall’impianto di produzione, per la rimozione di queste particelle polverose, si rende necessario l’utilizzo di un filtro a umido.
Il filtro “WATER STORM” provvede a ripulire l’aria sporca con l’utilizzo simultaneo di un ciclone e di un lavaggio ad umido per la rimozione delle particelle inquinanti. Una vasca interna è adibita alla raccolta fanghi, che così possono essere facilmente eliminati.

Il funzionamento è il seguente:
la parte centrale del filtro “water storm” è direttamente collegata al bocchettone di immissione dell’aria sporca proveniente dall’impianto di produzione. Nella sezione superiore, un motore mette in movimento una girante che crea un vortice il quale, contemporaneamente, aspira l’aria sporca attraverso la sezione inferiore, e mette in agitazione l’acqua creando una “nebbia d’acqua” nella sezione superiore. L’acqua, nebulizzata imprigiona le particelle di polvere inquinanti che sono costrette a rimanere all’interno del sistema di filtraggio. L’aria, ripulita dagli inquinanti, risale lungo il corpo del sistema di filtraggio e viene re immessa nell’ambiente, mentre l’acqua sporca ricade per gravità verso il basso separandosi dal flusso di aria, e si accumula nella vasca inferiore dove si depositano i fanghi. La parte inferiore può essere tranquillamente rimossa dal corpo principale del filtro “water storm” per facilitare l’eliminazione dei fanghi e la pulizia della stessa.
Per mantenere un livello di acqua necessaria al lavaggio, un impianto a galleggiante interviene per immettere nel sistema l’acqua persa durante il funzionamento, e mantenere efficiente il filtro “water storm”, inoltre in caso di mal funzionamento del galleggiante, un “troppo pieno” permette di far defluire l’acqua in eccesso.
La manutenzione del motore e della girante del ventilatore così come la pulizia delle pareti interne, può essere effettuata attraverso gli sportelli di ispezione che sono idoneamente dimensionati a tale scopo.

> 02 disegno dimensionale e prodotto finito

WaterStorm01

Disegno descrittivo con visualizzazione del movimento dell’aria

WaterStorm02

> 03 analisi dell’aria trattata

Di seguito l’analisi della qualità dell’aria proveniente dall’impianto di produzione, prima e dopo il trattamento di pulizia attraverso il filtro “water storm”.

> 04 costruzione

Sezione superiore

Sezione inferiore

Sezione centrale con particolare della guarnizione usata

Vaschetta con galleggiante per livellamento quantità di acqua

> 05  Installazione presso il cliente

WaterStorm13